Come creare una social media strategy

Molte aziende si fiondano sui social spesso per moda, perché tutti  sono in quell’ambiente digitale e, sicuramente, loro non vogliono essere da meno. Questo, però, non è il modo corretto di presentarsi sui social network, perché prima di prendere questa decisione si dovrebbe avere un minimo di strategia e di idee ben chiare e precise su quello che si sta andando a fare. Ecco perché è fondamentale avere una social media strategy, alla base di tutto, sia per cercare di dare un senso a quello che si fa sia per poter ottenere qualche risultato.

Lo scopo di questo articolo è dare degli spunti per poter redigere una corretta strategia.

ASCOLTO

Innanzitutto, come punto di partenza, bisogna ascoltare la rete:

-       se stessi (i social network sono degli spazi dove ci si scambia opinioni e pareri; sono delle piattaforme di dialogo e           l’azienda dev’essere pronta e aperta a dialogare. Bisogna dimenticarsi la vecchia concezione di comunicazione unilaterale)

-       ascolto degli utenti (cosa dicono di noi? Siamo già menzionati? Esistono delle pagine fan della nostra azienda?)

-       ascolto dei competitor (quali sono i nostri competitor? Su quali social sono presenti? Che strategia utilizzano? )

 

STRATEGIA

OBIETTIVI

La prima domanda da farsi è: per quale motivo vogliamo essere sui social network?

Molti risponderanno: “per vendere, ovviamente!” Questa risposta, però, per quanto ovvia sia non è quella corretta! Ci sono altri strumenti più adatti sul web per questo scopo.

Gli obiettivi possono essere:

-       vogliamo farci conoscere?
-       Offrire un servizio aggiuntivo? (custumer care, ad esempio)
-       Ottenere dei feedback e coinvolgere il consumatore?
-       Stimolare le vendite?

 

POSIZIONAMENTO

Una volta scelti i propri obiettivi bisogna concentrarsi sul posizionamento sui social: su quali social network sarà presente la nostra azienda?
Ogni social ha delle caratteristiche e delle dinamiche sociali diverse e queste vanno intersecate con gli obiettivi aziendali e la tipologia di prodotto/servizio offerti.
Oltre a questo, bisogna decidere anche se differenziare gli obiettivi in base alla piattaforma (ad esempio, utilizzare Twitter per fare solo custumer care e Facebook per farci conoscere, presentare prodotti e dare informazioni utili) o se uniformare gli obiettivi a tutte le piattaforme.

 

POST PLAN

Bene! Abbiamo chiari gli obiettivi e i social network sui quali vogliamo essere presenti, ed ora? Iniziamo a scrivere qualcosa quando ci garba?
Direi che questo non è l’approccio giusto! Essere organizzati anche in questa fase, programmando mensilmente i contenuti che dovremmo pubblicare (frequenza? Immagini, video, testo?) è sicuramente la miglior scelta. Un post plan ben organizzato permette di non trovarsi impreparati come “oddio e oggi cosa scrivo?”
Le informazioni che andiamo a comunicare devono rispecchiare gli obiettivi che ci siamo prefissati inizialmente e possibilmente devono essere di qualità  e devono essere indirizzati al dialogo. Nel mondo dei social network una comunicazione unilaterale NON HA SENSO! (A questo link qualche spunto interessante per redigere un post plan)

 

INIZIATIVE

Inoltre, è necessario cercare di far interagire le persone con la nostra azienda in modo che più gente possibile ne parli (e possibilmente in modo positivo). La soluzione migliore è realizzare dei contest o comunque delle iniziative che aumentino la possibilità e l’interesse da parte degli utenti di interagire con noi. In questo caso la creatività e la fantasia sono ben accette; qualsiasi idea, se coerente ai nostri obiettivi, può essere valida! (contest fotografico, concorso a premi e via dicendo)

 

MONITORARE

Infine, si deve monitorare in continuazione quello che si sta facendo, sia per quanto riguarda un’iniziativa particolare che per quanto concerne la gestione dei social in un’ottica più ampia.

 

Queste vogliono essere delle linee guida generali per cercare di non presentarsi totalmente impreparati al mondo dei social network.

Voi che ne pensate? Aggiungereste qualcosa?

 

 

 

 



Leave a Comment